In libreria

"L'Europa che Conta", di Filipponi e Catapano: conoscere l'Unione per vivere bene da "cittadini europei"

E' appena uscito il nuovo volume del professore esperto di Europa Luca Filipponi che con il collega Giuseppe Catapano cerca di spiegare le potenzialità di questa Unione Europea che potrebbe fare molto di più per ogni paese membro

L'Europa che Conta, il nuovo libro di Luca Filipponi e di Giuseppe Catapano pubblicato da Graus Editore, vuole essere una istantanea sull'Europa Contemporanea scattata alla fine del 2017. Attraverso questa fotografia gli autori cercano di analizzare i vizi e le virtù della tanto amata ed odiata Unione Europea e della contestata Moneta Unica riportando passaggi significativi di personaggi del mondo politico, istituzionale ed economico a partire dal presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani.
Per Luca Filipponi, giornalista, scrittore e professore esperto di Europa la via può essere solo una :" Un'Europa che deve ripartire dal basso, dal popolo, dalla cooperazione e soprattutto dalla vera partecipazione. Lo strumento? Arte, cultura e scambio delle buone prassi, o meglio per dirla in un altro modo, ripartiamo dalla generazione Erasmus".
"L'Europa che Conta" fa parlare chi in Europa ha un suo ruolo attivo, mettendo in chiaro molti temi e molti problemi. Il titolo però è metaforico, perché significa contare i temi da svolgere ed i problemi da risolvere ma nelle stesso tempo che l'Europa deve contare anche le criticità e le cose che invece vanno e funzionano e di cui si parla troppo poco. Il testo di Filipponi e Catapano è uno strumento per capire meglio un continente, l'Unione Europea appunto, che a volte viene usato come "specchietto per le allodole", ovvero per coprire dei problemi di altro genere o per non dare responsabilità ad una governance che in alcuni casi si vede poco. Perché, se funzionasse a dovere, l'Europa sarebbe una "nazione" che ha tanto da dare ai suo cittadini: come spiega bene la copertina del volume che mostra "La Dea Europa" dell'artista Antonio Perotti nel suo immenso splendore.