DERBY DELLA CAPITALE

Impresa della Lazio che batte una brutta Roma

Keita Baldé
Keita Baldé
Concesso un rigore alla Roma ma il fallo non c'era, la simulazione di Strootman.

Dopo il pareggio della Juventus con l'Atalanta, la Roma sperava con un vittoria di riavvicinarsi al primo posto in classifica per provare a riprendere i bianconeri, ma è la Lazio ha trovare la ventesima vittoria stagionale.
Il 146° derby di Roma si è giocato nell'insolito orario delle 12.30. Tra i biancocelesti assente Ciro Immobile per influenza. Parte subito bene la Roma ma al 12’ arriva il gol di Keita: sinistro che beffa Szczesny passando tra le gambe di Emerson Palmieri. La Roma fa fatica a costruire occasioni pericolose, ma allo scadere del primo tempo arriva l'episodio destinato a restare il più discusso di tutta la gara. Strootman cade in area dando l'impressione a Orsato di essere sgambettato da Wallace. In realtà tra i due non c'è il minimo contatto. Dal dischetto De Rossi non sbaglia. Si va negli spogliatoi sull'1 a 1. Nella ripresa Spalletti fa entrare Bruno Peres al posto di El Shaarawy passando al 3-4-2-1 con Rudiger riportato al fianco di Fazio e Manolas, e Nainggolan un po' piu avanzato con Salah dietro a Dzeko. Quest'ultimo fallisce subito un'ottima occasione da gol ed è la Lazio a trovare il gol del vantaggio con Dusan Basta. La Roma cerca di reagire, entra Totti al posto di De Rossi, ma le speranze svaniscono con un contropiede di Lulic che serve Keita. Lo spagnolo segna così la sua doppietta che lo porta a tredici gol in campionato. Espulso nel finale Rudiger per un brutto fallo su Djordjevic. Finisce 3-1 all'Olimpico. Mentre la Lazio festeggia, la Roma dovrà ritrovarsi per i prossimi delicatissimi incontri contro Milan e Juventus per cercare di restare al secondo posto in classifica.

di NARCISO GALASSO

Categoria:

Regione: